24 Novembre 2021
19.00

Danza

CONCERTO

Francesco Michele Laterza

Concerto è un concerto dell’immaginazione. Uno spettacolo teatrale che sogna di essere una performance musicale. Il lavoro muove da una raccolta di sogni trascritti e trasformati in canzoni originali o materiali performativi con l’idea di costruire un coro di forze, voci e immagini al limite del paradosso che dialogano all’ interno di un assurdo concerto in perpetuo mutamento.

Secondo lo scrittore Joseph Addison, quando sogniamo, “ l’anima conversa con innumerevoli individui di sua creazione e si trasferisce in diecimila scene di sua immaginazione divenendo contemporaneamente il suo teatro, il suo attore e il suo spettatore”.In questo senso, la lingua dei sogni puo’ essere letta come lingua poetica, disponibile a molteplici piani di interpretazione, intrisa di quotidianeita’, spesso surreale, e al tempo stesso simbolica. Nella dimensione onírica l’alto e il basso si alternano senza rigidita’ normative e le immagini che il sogno produce sembrano sempre rimandare a qualcos’altro di inafferrabile, se non nella profondita’ dell’individualita’ che lo produce.

Concerto come esecuzione musicale ma anche come compartecipazione di elementi impiegati in un medesimo scopo. Voci, immagini, proiezioni, memorie, paure come elementi frammentari di un identita’ alla ricerca di una sua definizione. In scena due performer come due clown venuti da lontano si cimentano in un compito al di sopra dei loro limiti, tentando forse di realizzare il loro stesso sogno di essere cantanti per il tempo di una performance. Nello scarto tra ambizioni e risultati emerge l’umano con il suo portato comico e contemporaneamente tragico. I confini tra i linguaggi si fanno piu’ labili. Teatro, musica, danza. La drammaturgia come mix di elementi. Le tracce si susseguono per corrispondenze poetiche come nei sogni o per giustapposizioni di assonanze e dissonanze come nella musica. Lo spazio intorno ai corpi e’ vuoto, pronto a essere investito dall’immaginazione di chi guarda. Il teatro come luogo in cui poter rendere visibile l’invisibile che si agita momentaneamente nelle nostre teste. Diversi sogni individuali come parti di un unico lungo sogno collettivo che per qualche ragione somiglia a un incubo…

testo e regia Francesco Michele Laterza 
con Francesco Michele Laterza e Floor Robert 
disegno luci Adriana Renna 
tecnica Letizia Paternieri
foto Regina Del Toro 
coproduzione Teatro delle Moire/Danae Festival con il sostegno di IntercettAzioni – Centro di Residenza Artistica della Lombardia (un progetto di Circuito CLAPS e Teatro delle Moire, Industria Scenica, Milano Musica, ZONA K) e di Ass. Punto a Capo Calolziocorte, Lecco